Legittimo il licenziamento per il dipendente che passa troppo tempo su Facebook

2019-03-10 Area Lavoro


La sentenza della Corte di cassazione civile 1° febbraio 2019, n. 3133, ha ritenuto legittimo il licenziamento della segretaria che nel corso di 18 mesi, aveva compiuto oltre 6000 connessioni al web fra cui 4.500 accessi su facebook, per durate talora significative.

La dimensione del fenomeno evidenzia la gravità del comportamento, in contrasto con l'etica comune, e l'idoneità certa ad incrinare la fiducia datoriale.

La Corte evidenzia, altresì, come la ricorrente non avesse negato di avere effettuato, in orario di lavoro, la gran parte degli accessi a siti intemet estranei all'ambito lavorativo riscontrati sulla cronologia del computer ad essa in uso, sottolineando come lo stesso tipo di accesso, con riferimento a facebook, necessitasse di password , e non potessero quindi aversi dubbi sul fatto che fosse la titolare dell'account ad averlo eseguito.



Altro in Area Lavoro

  • I dispositivi di protezione individuale per la sicurezza nei luoghi di lavoro adeguati alla normativa europea


    2019-03-13 AREA LAVORO

    Con il D.L.vo 19 febbraio 2019, n. 17, recante adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 2016/425 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la direttiva...


  • La quota 100 approda in Gazzetta


    2019-01-30 AREA LAVORO

    l'accesso al trattamento pensionistico con 62 anni di età e 38 anni di contributi è previsto dall'art. 14 del D.L. 28 gennaio 2019, n. 4, per cui n via sperimentale per il triennio 2019-2021, gli iscritti all'assicurazione generale obbligatoria e alle forme...


  • Le regole del reddito di cittadinanza nel D.L. 29 gennaio 2019, n. 4


    2019-01-30 AREA LAVORO

    Con l'art. 1 del D.L. 29 gennaio 2019, n. 4, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie gen. - n.  23 del 28 gennaio 2019, è istituito, a decorrere dal mese di aprile 2019, il Reddito di cittadinanza, di seguito denominato «Rdc», quale misura fondamentale di...